Isola d'Elba

Benvenuti nel Blog, siete liberi di lasciare la vostra opinione, qualunque essa sia, su Rio nell'Elba e non solo....


Visualizzazione ingrandita della mappa
Link consigliati:
Google
Wikipedia
Flickr
Youtube
Speedtest
Clipperz
Skype
MediaFire
MediaFire
Image Loop
Imageshack
Beppe Grillo
Wolfram|Alpha
Link consigliati:
Polisportiva
U.S.D. Elba 2000
Elbareport
Tenews
Camminando.org
Federico Regini
Davide Solforetti
Dario Ballini
Il Vicinato
Elbacomunico
Elbanetwork
Porto Azzurro Blog
Circolo S. Pertini
Comune di Rio nell'Elba


Firefox 3



Vota questo sito!

Segnala questo Blog ad un tuo amico: clicca qui

Meteo a Rio nell'Elba



Page 37/500: [«] [<] [32] [33] [34] [35] [36] (37) [38] [39] [40] [41] [42] [>] [»] Scrivi un Messaggio nel Blog
Autore Messaggio
Nuovo Riese
Messaggio 13892 del 04.01.2017, 13:40
Provenienza: Modena
Vengo a Rio Elba quando posso perché lo amo. Ma Piazza Matteotti (salita davanti alla chiesa) è un parcheggio riservato ai residenti della zona? Ci sono sempre le solite auto in sosta da una certa ora in poi. Sempre le stesse, inoltre, non hanno però nessun cartello autorizzativi esposto. Non capisco perché sia consentita questa cosa visto che a poche decine di metri ci sono alcuni parcheggi liberi. Senza polemica, voglio solo sollevare una questione di decoro urbano facilmente risolvibile. Ricordo pure che questa estate ho firmato un foglio dove si chiedeva di chiudere la piazza e liberarla dalle auto.
Gestione Blog
Messaggio 13891 del 04.01.2017, 12:37
Provenienza: Corte di Cassazione
Rischia un’ammenda salatissima il gestore di un blog o un sito internet che ospita commenti diffamatori, anche in forma non anonima. Una recente sentenza della Corte di Cassazione ha confermato la condanna in appello nei confronti del legale rappresentante della società che gestisce agenziacalcio.it, per un commento offensivo pubblicato da un utente nel 2009 nei confronti del presidente della Federazione Italiana Gioco Calcio (Figc), Carlo Tavecchio, allora presidente della Lega Nazionale Dilettanti del Federazione Italiana Gioco Calcio. Dovrà pagare 60 mila euro di risarcimento. Nel commento postato nella community del sito, senza alcuna approvazione da parte dell’amministratore, Tavecchio viene definito come un “emerito farabutto” e “pregiudicato doc”. Inoltre, l’autore allegava a margine anche il certificato penale di Tavecchio. In primo grado il gestore era stato assolto perché era riuscito a provare di non essere a conoscenza del commento, ma la Corte d’appello ha ribaltato il giudizio del Tribunale condannandolo per “concorso in diffamazione”. Per i giudici di secondo grado l’imputato non poteva non sapere. La Cassazione ha, pertanto, confermato la loro tesi. L’autore del commento aveva inviato al gestore del sito una mail con allegato il certificato penale di Tavecchio. Questo, per la Suprema Corte, dimostrerebbe la sua consapevolezza e quindi la sua colpevolezza. Quali le conseguenze di un simile pronunciamento? Gli amministratori saranno sempre e comunque responsabili delle opinioni espresse dagli utenti? Esiste un pericolo per la libertà di espressione sul web? “Innanzitutto facciamo chiarezza: la Cassazione ha stabilito che la responsabilità del gestore del sito non è conseguenza automatica dell’esistenza del commento diffamatorio, ma della mancata rimozione dal sito dopo che lo stesso era stato conosciuto dal gestore”. Sostiene Ernesto Belisario, avvocato cassazionista esperto in diritto delle nuove tecnologie e dei nuovi media. “Si tratta – continua – di un tema non nuovo che reca in sé il rischio della restrizione alla libertà di manifestazione del pensiero. Infatti, è assai probabile che i gestori dei siti, per evitare contestazioni e responsabilità, rimuoveranno commenti in modo assai ‘zelante’ (es. anche critiche che nulla hanno di diffamatorio)”. Per quanto riguarda l’applicabilità della pronuncia ai social network, “vale la pena – sottolinea Belisario – osservare come la giurisprudenza si sia espressa in modo analogo con riferimento alla responsabilità dei gestori di un gruppo Facebook (non si tratta di pronunce della Cassazione, ma di una sentenza del G.U.P. del Tribunale di Vallo della Lucania n. 22 del 24 febbraio 2016)”. La pronuncia della Corte di Cassazione segna un cambio di rotta definitivo per la giurisprudenza italiana, anche rispetto a quella europea. Fino ad oggi, infatti, non esiste un orientamento univoco in tal senso. Nel febbraio del 2016 la Corte europea dei diritti dell’Uomo aveva assolto i gestori di un sito ungherese chiamati in giudizio da un’azienda, per aver ospitato alcuni commenti anonimi ritenuti lesivi della propria immagine. In Italia il gestore del sito nuovocadore.it, Matteo Gracis, è stato condannato in primo grado ad un’ammenda record di 200 mila euro per un commento offensivo pubblicato sul forum da un utente anonimo nei confronti dell’avvocato ed ex parlamentare Maurizio Paniz. Commento che Gracis aveva provveduto a rimuovere dopo 11 giorni dalla ricezione della richiesta di cancellazione inviata via mail da Paniz. Se l’è vista brutta, invece, Massimiliano Tonelli, blogger fondatore di cartellopoli.net, assolto in appello dopo una condanna a 9 mesi di carcere per istigazione a delinquere relativa sempre ad alcuni commenti anonimi. Al di là delle sentenze e dei pareri contrastanti è evidente l’esigenza di contrastare un fenomeno dilagante sul web, quello della diffamazione, trovando un punto di equilibrio che garantisca allo stesso tempo libertà di espressione e tutela della dignità delle persone. Le norme esistono e vanno opportunamente applicate caso per caso. Solo così internet potrà continuare ad essere una grande risorsa di accesso alle informazioni e di confronto civile e democratico.
Ivano
Messaggio 13890 del 04.01.2017, 10:22
I Riesi sanno da soli cosa bisognerebbe cambiare per far funzionare ... anche il telefono.
Non serve un consulente. Neanche quelli del nulla strapagati da chi c'era prima ed a cui qualcuna era forse abituata.
Come semplice Riese quindi, non come consulente, suggerisco uno psichiatra, anche per la scheda Telecom.
Riese orgoglioso
Messaggio 13889 del 04.01.2017, 00:56
Provenienza: Rio nell'Elba
per mess.13887 Caro Riese, non ti affannare troppo a scrivere discorsi cervellotici e privi di fondamento. Forse è il tuo cervello che deve essere resettato se continui a difendere l'indifendibile. Dopo due mesi di disservizio un comune mortale avrebbe fatto l'impossibile per correre ai ripari, figuriamoci un'istituzione come il Comune dove il telefono è pane quotidiano e strumento indispensabile per svolgere l'attività amministrativa. Qui non centrano niente le minoranze o chi ha perso o vinto le elezioni o il fatto di mettere a posto le proprie coscienze. Qui si tratta solo di avere un minimo di dignità, di riconoscere i propri errori senza trovare giustificazioni fasulle o scorciatoie destinate al fallimento, come non trova giustificazione la chiusura dell'ufficio tecnico per due settimane consecutive o la perseverante latitanza in paese ed in comune degli amministratori. Hai ragione quando dici che i riesi non sono scemi, ma sono molto delusi da questa amministrazione perchè si stanno accorgendo che ormai siamo proprio alla frutta.....
Rio
Messaggio 13888 del 03.01.2017, 23:06
Provenienza: Alto
Ivano attento, i telefoni non funzionano. Hai consigliato male il sindaco o la vice! Per me è colpa anche tua. Non hai detto alla Telecom quale scheda cambiare. Che [email protected]@o di consulente sei. Poveri noi!
Riese
Messaggio 13887 del 03.01.2017, 22:32
I furboni pensano di mettere a posto le loro coscienze e magari rimediare qualche consenso in più telefonando ai giornali con la notizia clamorosa che i telefoni del Comune sono guasti. Che grande notizia!!! Che scoop, quale cosa clamorosa. E danno anche consigli! La minoranza ( non tutta ma quella di basso profilo)attacca perché la Telecom non ha una scheda per riparare i telefoni da diversi giorni. E allora 1 giorno per questo, un giorno per quello, 24 ore per quest'altro. Ma 24 ore per resettare i cervelli li volete prende? Forse quello ci vuole. Che livello! Avete perso è fin qui niente di male, ma continuando così perderete ancora. I Riesi non sono scemi!!! E conoscono le persone che si agitano. Bene, molto bene. Scuola elementare e poco più.
Derikke
Messaggio 13886 del 03.01.2017, 21:48
Provenienza: di la
sorride
Perché il telefono del comune non funziona ancora? Chissà?
Forse dobbiamo dire grazie anche alla "furbizia" degli impiegati dell'ufficio tecnico che potrebbero pure aver pensato di non sollecitare troppo per poter recuperare soldi da Telecom per la durata del disservizio; potrebbero aver pensato di reclamare il 50% del canone mensile per ogni giorno di ritardo della riparazione (se di Telecom è la colpa), rimpolpando le casse comunali? Chissà?

Per la clientela business: entro il primo giorno lavorativo successivo a quello della segnalazione. Nel caso in cui il giorno successivo alla segnalazione sia un giorno festivo (domenica o festività annuale) il guasto sarà riparato entro il secondo giorno successivo alla segnalazione. Qualora siano festivi entrambi i giorni successivi alla segnalazione il guasto sarà riparato entro il terzo giorno successivo alla segnalazione. Fanno eccezione i guasti di particolare complessità che verranno riparati tempestivamente. In caso di ritardo vi verrà riconosciuto un indennizzo pari al 50% del canone mensile da voi corrisposto per ogni giorno di ritardo. 0cop
Ispettore Coliandro
Messaggio 13885 del 03.01.2017, 20:21
Provenienza: Secondo canale
https://encrypted-tbn2.gstatic.com/images?q=tbn:ANd9GcSUPo5ScFM71DZvDcTVGCGwwG_0HKWZYgQraofzPpF1NNfgNAk
Comune Rio Elba
Messaggio 13884 del 02.01.2017, 19:02
A causa della rottura di una scheda in centrale telefonica, permane il guasto con conseguente isolamento del Comune, nonostante ripetute segnalazioni e solleciti a Telecom.
Visto il perdurare di questa inaccettabile situazione è stata fatta una segnalazione anche alla Prefettura.
Ivano
Messaggio 13883 del 02.01.2017, 16:07
Sentite condoglianze a Giovanni. al figlio, alla famiglia tutta, per la perdita di Rita.
Ivano
Messaggio 13882 del 31.12.2016, 18:33
https://s-media-cache-ak0.pinimg.com/236x/0d/57/b1/0d57b1f768e8d8f71cc2f12395b2dce9.jpg
Museo arch. Rio Elba Send an email to Museo arch. Rio Elba. Museo arch. Rio Elba's Website
Messaggio 13881 del 29.12.2016, 23:54
Provenienza: Rio nell'Elba
Venerdì 30 Dicembre- Apertura straordinaria del Museo archeologico di Rio Elba Venerdì 30 Dicembre, dalle ore 11.00 alle ore 13.00, il Museo civico archeologico del Distretto minerario di Rio nell’Elba effettuerà l’apertura straordinaria. Chi fosse interessato a partecipare ad una visita guidata con inizio alle ore 11,15 può contattare questo numero: cell. 349-3754611. Ricordiamo che domani il biglietto sarà di € 3,00 a persona per le famiglie, per i gruppi e per gli studenti.
La piazza
Messaggio 13880 del 27.12.2016, 18:14
Non c'è pace, siamo alle solite. Vedo la combriccola del ciù ciù ciù che in piazza, ora qui, ora li, si riunisce, si dirada, si riaggrega, non si da pace, non trova pace, non la fa trovare a chi la pace l'ha già.
https://cdn-img-e.facciabuco.com/212/p5p54bt042-e-finito-il-natale-avviso-a-tutta-la-popolazione-la-simulazione-di-pace-e-amore_a.jpg
X Allora tanti auguri
Messaggio 13879 del 27.12.2016, 16:50
Provenienza: Piazza di Rio
Credo che stavolta non ci sarà bisogno della bomba atomica per far desistere i pochi Kamikaze ancora in servizio dal levarsi in volo alla cieca per poi schiantarsi sistematicamente sul proprio territorio. Tutto finirà per esaurimento del materiale bellico e per non aver capito bene quali sarebbero stati gli obiettivi da colpire! Ammiraglio Kazuto Sumuri
Allora tanti auguri
Messaggio 13878 del 26.12.2016, 20:20
https://encrypted-tbn1.gstatic.com/images?q=tbn:ANd9GcQMo3QBI5x6tGUaP5Fw7AAO1BOH2YgKO5afHIxITp1w1umUX10e
Seeeeeeh!!!!!!!!
Messaggio 13877 del 26.12.2016, 18:24
https://encrypted-tbn2.gstatic.com/images?q=tbn:ANd9GcS9jZkDCiqbO0aTYXeYfuwCPr6KMxoUaBKX7Rz3Po-q2wNzNhWz4A
Appunto
Messaggio 13876 del 26.12.2016, 16:03
Il mio pensiero di Natale è rivolto a tutti coloro che non hanno pace, che possano trovarla nel proprio cuore, che trovino una strada tutta propria di serenità e mitezza, senza false scorciatoie che addossino colpe e responsabilità ad altri per insoddisfazioni e frustrazioni personali. Eviteranno di autoprodurre la propria sofferenza e di causarne agli altri.
Oohhhh
Messaggio 13875 del 26.12.2016, 15:58
[email protected] - «Una bambina di Rio Marina è stata aggredita da un cane senza guinzaglio, era la vigilia di Natale, lungo la strada del Porticciolo la bambina e il padre stavano facendo trekking. Non si capiscono i motivi per cui l’animale le sia saltato addosso lasciandole due buchi sulla guancia destra. La bambina è stata prontamente accompagnata dai genitori al pronto soccorso dell’ospedale, qui le sono state praticate le cure del caso e poi inviata a casa dove ha trascorso le festività in modo sereno. L’augurio è che le cicatrici provocate dal morso del cane spariscono dal suo volto. Non è la prima volta che nella zona del Porticciolo i passanti sono assaliti da cani sciolti. Quella di lasciare gli animali in libertà è una brutta pratica, tant’è che nei giorni scorsi un branco di capre è entrato nel cimitero di Rio Marina».
Caro pensiero
Messaggio 13874 del 26.12.2016, 15:24
Mai piegarsi e girarsi dall'altra parte: hai ragione. ” Passa tranquillamente tra il rumore e la fretta, e ricorda quanta pace può esserci nel silenzio. Finché è possibile senza doverti abbassare, sii in buoni rapporti con tutte le persone. Dì la verità con calma e chiarezza; e ascolta gli altri, anche i noiosi e gli ignoranti; anche loro hanno una storia da raccontare. Evita le persone volgari e aggressive; esse opprimono lo spirito. Se ti paragoni agli altri, corri il rischio di far crescere in te orgoglio e acredine, perché sempre ci saranno persone più in basso o più in alto di te. Gioisci dei tuoi risultati così come dei tuoi progetti. Conserva l’interesse per il tuo lavoro, per quanto umile; è ciò che realmente possiedi per cambiare le sorti del tempo. Sii prudente nei tuoi affari, perché il mondo è pieno di tranelli. Ma ciò non acciechi la tua capacità di distinguere la virtù; molte persone lottano per grandi ideali, e dovunque la vita è piena di eroismo. Sii te stesso. Soprattutto non fingere negli affetti, e neppure sii cinico riguardo all’amore; poiché a dispetto di tutte le aridità e disillusioni esso è perenne come l’erba. Accetta benevolmente gli ammaestramenti che derivano dall’età, lasciando con un sorriso sereno le cose della giovinezza. Coltiva la forza dello spirito per difenderti contro l’improvvisa sfortuna, ma non tormentarti con l’immaginazione. Molte paure nascono dalla stanchezza e dalla solitudine. Al di là di una disciplina morale, sii tranquillo con te stesso. Tu sei un figlio dell’universo, non meno degli alberi e delle stelle; tu hai il diritto di essere qui. E che ti sia chiaro o no, non vi è dubbio che l’universo ti stia schiudendo come si dovrebbe. Perciò sii in pace con Dio, comunque tu lo concepisca, e qualunque siano le tue lotte e le tue aspirazioni, conserva la pace con la tua anima pur nella rumorosa confusione della vita. Con tutti i suoi inganni, i lavori ingrati e i sogni infranti, è ancora un mondo stupendo. Fai attenzione. Cerca di essere felice.” (Trovata nell’antica chiesa di S. Paolo, Baltimora. 1692)
Pensiero di fine anno
Messaggio 13873 del 26.12.2016, 13:01
Provenienza: Rio
Una banale, quanto necessaria, riflessione di fine anno.
Quando una persona scompare, nel nostro ordinamento è previsto che i suoi beni materiali vengano ereditati, se non diversamente disposto, dagli eredi legittimi i quali ne diventano proprietari potendone disporre a loro piacimento nel rispetto delle leggi del paese.
Non si diventa proprietari invece dell’autorevolezza, della stima, della fiducia e delle virtù appartenute al defunto, né tantomeno se ne può disporre a piacimento e goderne i frutti, come avviene per il bene materiale ereditato.
Con questi beni ‘immateriali’, se vogliamo di famiglia, non si campa di rendita, non si diventa unti dal signore né insigniti di titoli e cariche.
Ci troviamo investiti, quello si invece, del dovere di tenere alto il buon ricordo della persona e dei suoi valori praticando il buon esempio, l’onestà intellettuale, il rispetto verso gli altri, la continua ricerca della migliore soluzione condivisa ed un garbato quanto indispensabile senso della misura.
Tanti auguri a tutti
Chico Chioccione
Messaggio 13872 del 25.12.2016, 22:01
Provenienza: Rio nell'Elba
Bravo Giovanni Muti
A testa alta come i riesci spesso non lo sono
Buon Natale
Chico chiocciole Proff. in filosofia e virgole sparse
Ivano
Messaggio 13871 del 24.12.2016, 18:01
https://encrypted-tbn1.gstatic.com/images?q=tbn:ANd9GcRDXV6Ohn_uHF5ReBcYREFxxWHvbXz3Q6vOfDP8BnlUTPcKxd7pYg
Cimitero: muro sistemato
Messaggio 13870 del 23.12.2016, 15:14
Provenienza: Da TENews
Sono stati completati gli interventi di rifacimento del muro sottostante il cimitero nuovo di Rio nell'Elba. A darne notizia è lo stesso sindaco Claudio de Santi che con queste parole si rivolge ai cittadini: “Sono terminati i lavori di ripristino del muro sottostante il cimitero nuovo di Rio nell'Elba – ha dichiarato il sindaco De Santi - ed è stata inoltre ripristinata la viabilità. Tutto ciò, mi rendo conto, ha richiesto più tempo del previsto ma questo è dovuto alla difficoltà di reperire le necessarie risorse finanziarie. Tuttavia senza ulteriori danni, il lavoro è stato ben eseguito. Talvolta, nonostante la volontà della Giunta comunale, certi interventi non possono essere eseguiti subito ma necessitano di attesa per la relativa copertura finanziaria. Sono il primo a dolermene e ne sento sinceramente il peso. Ma tutti i nostri cittadini sappiano che abbiamo sempre chiaro che cosa si deve fare. La soluzione non è mai dietro la porta ma alla fine si trova. Colgo l'occasione per inviare a tutti i migliori auguri di Buone Feste”.
Rio
Messaggio 13869 del 20.12.2016, 23:20
Provenienza: Coccolo
Nel verificare sui Social si nota che una parte del paese di Rio ,sempre il solito, pronto a mettere 3 /4 like sui soliti 4/5 che commentano negativamente le cose , arrivano fino a tanto di non compiacersi nemmeno per la bella presentazione della nuova scuola. La scuola che per i prossimi 50 anni sarà la scuola dei loro figli. Credo che queste persone non meritino niente. Sono solo arrabbiati, irrealizzati, incapaci ed inutili per se stessi e per la società che provvisoriamente li ospita.
GAT
Messaggio 13868 del 20.12.2016, 21:45
Provenienza: Da Il Vicinato
Portoferraio che è il più grande comune dell’Isola, si è astenuto nella votazione per l’elezione del nuovo presidente Gestione associata per il turismo. Una decisione nata anche dalle polemiche su un eventuale preaccordo tra Rio Elba e gli altri Comuni dell’Elba. Una scelta che il sindaco De Santi commenta sul Corriere Elbano: «Con gli altri sindaci non c’era assolutamente nessun preaccordo, perché si pensava che questa fosse la soluzione soft per poter traghettare la gestione associata e continuare un lavoro già iniziato. Quella di Mario Ferrari è una protesta perché ritiene che il suo Comune debba avere una leadership sull’Isola. Credo che non si debba arrivare a una rottura, in quanto dover abolire la gestione associata del turismo, sarebbe una iattura per l’Elba. Se noi pensiamo che in questo momento abbiamo un contributo di sbarco di un euro e mezzo, e considerando che la permanenza media del turista all’Elba è calcolata in nove, dieci giorni, si tratta di un costo di pochi centesimi al giorno. La tassa di soggiorno opererebbe ben altre situazioni portando la spesa sui tre, quattro euro al giorno come accade nelle città più turistiche come Firenze o Roma».
Messaggio 13867 del 20.12.2016, 15:14
Provenienza: Da TENews
Non sarà facile accantonare e rimuovere il risultato referendario elbano, dove, diversamente dal Si della val di Cornia, ha vinto il No. Ritengo invece che se il PD e la sinistra in generale, vorrà dare un segnale di apertura alla società e rivedere certi suoi atteggiamenti autoreferenziali, di autosufficienza e supponenza, che ha pagato con sconfitte e perdite di consenso e di rapporto con parti importanti della società elbana, debba proprio partire dai segnali che giungono dal risultato referendario locale. Prima del voto avevo parlato, a chi decantava in ripetuti incontri elettorali la riforma, dei risvolti negativi per l'Elba, che avrebbe comportato la vittoria della revisione della Costituzione proposta da Renzi, poiché con essa, si andava ad avallare un processo di emarginazione ed allontanamento, dei territori periferici ed insulari dai centri decisionali, sia Regionali che Nazionali. Una distanza che in questi anni si è già manifestata e realizzata, dalla trasformazione delle Province in enti di secondo grado, alla mancata approvazione di una legge sulle isole minori, alle problematiche di insufficiente gestione della sanità, dal disfunzionamento didattico della scuola, ai collegamenti marittimi invernali, orari ed incertezza. La vittoria del NO all'Elba riconsegna a questa politica delle visite guidate, pari pari tutti questi problemi, fortemente sentiti e partecipati nel No. Ma il voto riconsegna alla politica delle passerelle inutili, l'altra faccia dell'Elba, esclusa, lasciata in questi anni senza parola, l'Elba che soffre la crisi sociale e di prospettiva più profonda dal dopoguerra. Nel voto massiccio del 4 dicembre si è manifestato un profondo ed esteso sentimento di abbandono, di disagio, anche sociale, in ampi strati della popolazione elbana, ai quali le condizioni di vita sull'isola divengono pesanti, se non insostenibili: dal diritto del lavoro sicuro e per tutti, al diritto allo studio, alla salute, all'assistenza e cura. Abbiamo ancora davanti agli occhi, che qualcuno chiudeva per non danneggiare il plebiscito referendario, passando da un gazebo ad un altro, decine e decine di ragazze e ragazzi elbani, in fila, di notte e di giorno, ai cancelli del Centro per l'impiego per ottenere una ridotta e limitata indennità di disoccupazione, per un periodo di lavoro stagionale che sta sempre più diminuendo il periodo d'impiego. Ricordiamo gli studenti elbani, gli insegnanti, che, per tutto il primo trimestre, dopo la tanto decantata riforma della "buona scuola" lamentavano assenza di insegnanti, ritardi mai visti prima, nell'avvio dell'anno scolastico. Sappiamo, inoltre dai dati statistici, che anche all'Elba è fortemente aumentato, da parte dei datori di lavoro, l'uso dei voucher, oltre quanto fosse previsto dalla stessa normativa, formalizzando uno stato di precarietà del lavoro e di diritti. Conosciamo inoltre i dati di una disoccupazione giovanile, delle donne in particolare. Sappiamo anche, dalle cronache giornalistiche, dell'aumento delle file, davanti alla caritas elbana, dove non vi sono stranieri, ma bensì, elbani, anziani, talvolta famiglie. Il No, gridato a gran voce viene da queste situazioni di difficoltà sociale e verso le quali il PD da tempo ormai, non sa più rappresentarne le istanze, i bisogni. Non esiste un'isola felix per tutti. In particolare i nostri giovani stanno pagando le scelte sbagliate, dal jobact, ai voucher, che saranno sottoposte a referendum promosso dalla CGIL, per l'abrogazione. Il PD lo sostenga. Bisogna ripartire da qui, ripensare un progetto come forza di un nuovo centrosinistra elbano, dopo anni di divisioni e contrapposizioni, di abdicazione della politica (ricordate il No all'altro referendum sul Comune unico, in nome delle virtù della semplificazione istituzionale?) altrimenti questi ceti continueranno a ricercare voce e rappresentanza in forze populiste e antipolitiche che, in questi anni, abbiamo visto crescere anche su questo territorio. Saprà il PD di questo territorio raccogliere questa sfida? Saprà il PD riposizionarsi nel campo di un nuovo centrosinistra con un progetto capace di dare voce e senso alle istanze e bisogni dei giovani e delle donne elbane, del mondo del lavoro, dei ceti più poveri ed esposti alla crisi? Poniamoci queste domande e cerchiamo risposte coerenti.
A Natale pronta a Rio
Messaggio 13866 del 19.12.2016, 20:15
Provenienza: Da TENews
Gli interventi di ristrutturazione al plesso scolastico Agostini di Rio Elba si possono dire praticamente ultimati. A fare il punto della situazione è lo stesso sindaco di Rio nell’Elba Claudio De Santi, che ha riassunto a TeleElba tempi e modalità degli interventi effettuati sulle strutture. Al momento ci sono ancora dei cantieri aperti, ma tutto verrà completato durante le festività natalizie, dando la possibilità alle scuole di essere pronte per l’inizio delle lezioni nel 2017. In ultimo, ma non certo in ordine di importanza, il nuovo asilo nido, una vera novità per il paese e per tutto il versante orienta e dell’isola. Nell’intervista di TeleElba i particolari raccontati dal sindaco Claudio De Santi
Da Elbanotizie
Messaggio 13865 del 19.12.2016, 19:01
Provenienza: Portoferraio
Caro sig. Muti ,
leggo sempre i suoi pezzi e qualche volta li condivido. Certo non condividevo le sue sparate contro gli ambientisti e la guerra che voi del movimento Elba 2000 avete fatto contro l’istituzione del Parco Nazionale. Ho letto il suo intervento sulle tombe di Rio e non ci avevo trovato nulla di particolare. Poi è arrivata la reazione della vedova dell’ ex sindaco Franco Franchini che l’ha insultata. E questo mi ha sorpreso, ma mi sorprende più il fatto che lei non risponda, visto che poi avete pubblicato foto che dimostrano che la tomba non era stata danneggiata.
Cordiali saluti
Una riese di fori

http://www.elbanotizie.it/uplarticoli/p_11053327_788748174513428_7466663359683716880_n.jpg

Grazie signora, la persona che ha firmato l’intervento contro di me non è la moglie, ma la figlia.
Per quanto riguarda la risposta,lei mi capirà, non posso scontrarmi con la figlia di un mio carissimo amico, perdi più sotto Natale. Si figuri che chi mi attacca dubita addirittura che io fossi un amico di Franco e che non sappia nemmeno dove è la sua tomba.
Forse mi ha scambiato per un altro . All’Elba ci sono molti Giovanni Muti, per questo pubblico la mia foto, così sarò sicuro di non essere stato scambiato per una altro.E, in più, avrò anche la certezza che qualora volesse farmi sparare da un sicario e non venga colpito un innocente.

Comunque, a riprova del riguardo che ho per lei, solo per fatto di essere la figlia di Franco, non replico come ho fatto ogni volta che mi hanno attaccato, permettendogli così di stabilire un record. E’ la prima volta, in 30 anni di polemiche, che qualcuno mi insulta e io alzo le mani.
Devo dire, però, che non ho mai dato molta importanza agli insulti, mi limitavo a rispondere perché mi divertivo. Per farle un esempio, nel 2001 un ambientalista scrisse contro di me, e contro il Movimento Elba 2000, un pezzo pieno di insulti e con un linguaggio violentissimo. Io non riposi agli insulti, ma feci un’analisi volutamente e ironicamente saccente sulla violenza del linguaggio. Quindi non attaccavo chi mi aveva insultato ma, con ironia, il suo linguaggio.
Il titolo del pezzo era: “Linguaggio e fase anale. Che non è poco.
Nel passaggio che segue si analizza il linguaggio della persona che offende in termini freudiani
“ …Nel suo linguaggio, l’elemento più evidente è la spontaneità infantile, nel senso che vi si nota un ritorno affannoso a reazioni istintive non mediate, tipiche dell’infanzia. Freud, individua alcune fasi nello sviluppo del bambino:fase orale (piacere di succhiare), fase anale(cacca come un prodotto creativo) , fase fallica, che è connessa al complesso edipico, la fase di latenza e la fase genitale, ecc ……”

“ ….Comunque dall’analisi del suo linguaggio, intriso di violenza, azzarderei che una parte almeno della sua personalità non ha ancora superato in toto la fase anale. L’altra rimane in bilico tra la fallica e la genitale.
Il pezzo terminava con il perdono e con il suggerimento di leggere alcune opere sul tema. In modo che capisse che la mia analisi si basava su basi scientifiche serie e, quindi , non avevo utilizzato degli espedienti polemici per far sorridere. Adesso cara riese di fuori, le dirò che questa analisi non andrebbe bene per il tipo di linguaggio utilizzato dalla signora Franchini, che si caratterizza per la presenza di elementi diversi e molto interessanti.

( . . . Sei perdonato per tutte le cattiverie che mi hai scritto . Per un’utile penitenza incomincia con quest’opera fondamentale: “ La costruction du réel chez l’enfant” di Jean Piaget. Neuchatel, 1936. E ancora: “Perception or Form in Biologcal and Man-made Sistem” di Forester. E infine, soprattutto sulla violenza nel linguaggio: “Violence à la lumière des processus adolescents”. di Claude Balier .
Il pezzo fu pubblicato nel 2001 su il settimanale on line “Elba Oggi “ ( quando la signora Franchini andava ancora alle elementi) e ripreso su Elba notizie nel 2009. Le auguro Buone Feste, cara Riese di fori

Per chi volesse leggere l’articolo questo è il link http://elbanotizie.it/articolo.asp?key=503
A Rio Elba
Messaggio 13864 del 18.12.2016, 09:47
Provenienza: da TENEW
Dal mercatino di Natale alle attività per i bambini e infine il canto della Befana Con l'avvicinarsi delle festività natalizie la Pro Loco di Rio nell'Elba per domenica 18 Dicembre organizza il Mercatino artigianale di Natale con bancarelle che proporranno vari tipi di prodotti realizzati a mano, secondo tradizione. Sarà presente anche un banchetto a cura delle mamme della Scuola materna di Rio nell'Elba. Il mercatino natalizio si svolgerà in Piazza del Popolo indicativamente dalle ore 9,30 alle ore 19.00. Alle ore 15.00 invece prevista un'attività dedicata ai bambini con “Il Truccabimbi e palloncini”, i bambini e le bambine che vorranno potranno partecipare gratuitamente. Inoltre la Pro Loco di Rio nell'Elba invita tutti i cittadini di Rio nell'Elba a partecipare per creare dei piccoli presepi in varie zone del paese. Nei prossimi giorni il presepe più bello sarà votato da una giuria composta da bambini. In Piazza del Popolo inoltre, vicino all'Albero di Natale allestito dal Comune, presto sarà possibile visitare le suggestive statue della Natività realizzate e messe gentilmente a disposizione durante le festività da Antonella Milani Casella. Ricordiamo che presso la piccola Chiesa delle Anime, in Via Aspasia Pazzaglia, è possibile visitare “La Natività di Rio Castello”, quadro animato, realizzato da un gruppo di volontari, che ricostruisce il paese di un tempo e scene di vita quotidiana con la presenza della Natività. Il quadro animato è accompagnato da una voce narrante con musica, elementi che contribuiscono a renderne la visione ancora più suggestiva. Infine l'appuntamento di saluto alle feste è previsto per il 5 Gennaio alle ore 21.00 con il tradizionale Canto della Befana. La vecchia signora infatti sarà accompagnata dal coro e dal corteo nelle varie tappe per le vie del paese.
Sorpresi da Muti,
Messaggio 13863 del 17.12.2016, 22:34
Provenienza: Da TENews
Ci sorprende l'intervento del signor Muti che non vuole entrare nel merito ma lo fa scrupolosamente e dettagliatamente dandoci dei bugiardi che inventano dei danni non veri per mettere in difficoltà lo sventurato sindaco di Rio nell'Elba. Fa di più, ci da anche dei truffatori che vorrebbero approfittare dei soldi dei cittadini per riparare a danni inesistenti e quindi, truffare il comune . Sempre per lo stessa nostra malafede, vogliamo che tutti se la prendano con lo sventurato sindaco di cui sopra. Fa di più il signor Muti continua narrandoci l'agiografia di Franco e della loro fantomatica amicizia come altri personaggi assai squallidi hanno fatto prima di lui .Tanto i morti "so tutti boni" e ne parla come di un simpatico e semplice Peppone degli anni cinquanta a cui evidentemente si è fermato il Signore in questione. Franco è morto nove anni fa e fino a nove anni fa amministrava quindi ,lei capirà bene che il falso ritratto che ne ha fatto stona parecchio con la realtà delle cose. Non lo abbiamo mai sentito annoverare tra gli amici , onestamente crediamo che non sappia nemmeno dove è sepolto a Rio il suo caro amico e di ciò a dire il vero ne saremmo anche contenti . Non ancora pago ci accusa velatamente di contaminare continuamente la sua memoria . Questa si è un'accusa grave e anche di bassa lega. Noi abbiamo semplicemente difeso il suo operato quando c'è stato bisogno di farlo difronte ad accuse false come quelle vomitate nei mesi scorsi che non stiamo a ripetere . Le stesse accuse rivolte alla parte politica in cui Franco ha militato per una vita e di cui è stato parte integrante e a politici onesti di cui è sempre stato compagno e amico . Abbiamo difeso tutto quello che lo riguardava in qualche modo e in questo è compreso il posto dove riposa. Nessuno ha mai scritto di atti vandalici o fatti con la volontà di profanare . Se ha letto questo abbiamo qualche perplessità sulla sua obiettività. Ad essere cattivi sembrerebbe più la volontà di creare un caso a partire dal nulla in altre parole una meschinità. Le foto ci sono stia tranquillo sia della pianta non potata ma recisa, sia del manto di ghiaia in parte tolto e per l'altra parte rovinato .Ovviamente non possono esserci foto delle condizioni precedenti in cui tutto era al proprio posto. Come abbiamo avuto modo di spiegare al nostro sventurato sindaco non si entra in uno spazio privato a tagliare piante fiorite o a modificare qualsivoglia elemento rovinandolo . Esiste un capo degli operai che doveva dare indicazioni che evidentemente non ha dato e un 'amministrazione che doveva sapere cosa i suoi addetti facevano è gestire il dopo e così non ha fatto e di ciò è responsabile che questa la metta a disagio oppure no. Non osi lei contaminare la sua memoria offendendo la sua famiglia e mettendo in dubbio l'onestà delle nostre parole 
[Pagina precedente] [Pagina successiva]

[Il Blog di Rio nell'Elba|Il Blog di Rio nell'Elba]

Powered by Burning Book 1.1.2 © 2001-2004 WoltLab GmbH

Se vuoi comunicare con noi la nostra mail è: [email protected]


dal 22 gennaio 2008