Isola d'Elba

Benvenuti nel Blog, siete liberi di lasciare la vostra opinione, qualunque essa sia, su Rio nell'Elba e non solo....


Visualizzazione ingrandita della mappa
Link consigliati:
Google
Wikipedia
Flickr
Youtube
Speedtest
Clipperz
Skype
MediaFire
MediaFire
Image Loop
Imageshack
Beppe Grillo
Wolfram|Alpha
Link consigliati:
Polisportiva
U.S.D. Elba 2000
Elbareport
Tenews
Camminando.org
Federico Regini
Davide Solforetti
Dario Ballini
Il Vicinato
Elbacomunico
Elbanetwork
Porto Azzurro Blog
Circolo S. Pertini
Comune di Rio nell'Elba


Firefox 3



Vota questo sito!

Segnala questo Blog ad un tuo amico: clicca qui

Meteo a Rio nell'Elba



Page 37/364: [«] [<] [32] [33] [34] [35] [36] (37) [38] [39] [40] [41] [42] [>] [»] Scrivi un Messaggio nel Blog
Autore Messaggio
Il falso concetto di aninimato
Messaggio 9821 del 30.06.2013, 00:53
Provenienza: Rete Internet
"L'anonimato (o anche anonimìa) è lo stato di una persona anonima, ossia di una persona di cui l'identità non è conosciuta". Questa è la definizione di anonimato. Per quanto concerne la rete Internet, l'anonimato non esiste perchè l'autore di una transazione/collegamento, che sempre avviene tra un supporto hardware (computer, smartphone, etc) ed un altro, è noto, ovvero rintracciabile dagli opportuni livelli degli organismi di gestione della rete, su richiesta motivata degli organi giudiziari o di polizia di un paese. In altre parole, il proprietario del contratto con il provider (Tim, Infostrada, Vodafone, Fastweb, etc) per l'utilizzo di una linea telefonica (numero telefonico fisso o mobile) per l'accesso alla rete Internet da cui viene attivata la transazione, lascia traccia con un proprio identificativo univoco, detto ID, su tutta la rete, assegnatogli automaticamente dal suo provider al momento della connessione alla rete Internet. Quindi, nessuno può navigare, trasferire dati, scrivere sui blog, inviare E-mail, fare altre diavolerie in modo anonimo, perchè il proprietario della linea è sempre rintracciabile in quanto ha lasciato traccia del suo operato in vari server della rete. Si potrebbe dire che esistono delle modalità per navigare veramente nell'anonimato presentandosi alla rete con un altro ID, questo è vero, ma non è vero che ci si renda completamente anonimi, perchè con queste tecniche si rende solo l'eventuale ricerca molto, molto difficile per cui per far partire una ricerca, bisogna averla fatta veramente grossa, ma se vale la pena ti beccano comunque. Uno dice si va bene, ma io vorrei riconoscere chi sul blog interloquisce con me, perché io voglio sapere con chi sto parlando o chi è quella persona che mi critica per questo o per quell’altro e poi perché io ci metto la faccia e voglio che anche l’altro ce la metta. Bene, de gustibus……, però è bene che questa persona sappia che potrebbe avere molte delusioni in quanto non possiede perché non esiste alcuno strumento per verificare in tempo reale l’identità dell’interlocutore che pure si è firmato ed ha comunicato anche l’indirizzo E-mail. Potrà successivamente, a posteriori, con verifiche telefoniche o altri tipi di contatti, scoprire se si tratta veramente della persona che conosciamo o no. Se poi si tratta di persona che per quanto si firmi, non conosciamo, cosa facciamo non potendone verificare la vera identità? La mandiamo a quel paese a breve giro di posta? Si potrebbero fare ancora infiniti esempi, ma, con i normali strumenti di cui disponiamo, dobbiamo, per forza di cose, dare fiducia fino a prova contraria all’interlocutore che si firma, ma soprattutto accettare la cruda realtà che la rete opera con i Nick (l’indirizzo E-mail si presenta come un Nick) e che l’identità del soggetto/persona che sta dietro un Nick/ID, esiste si ma depositato presso enti/providers nazionali ed internazionali riconosciuti dai vari stati mondiali. Questi hanno l’obbligo della riservatezza, vale a dire, non possono comunicare a nessuno, se non alle autorità di polizia o giudiziarie, le identità delle persone a cui sono assegnati i Nick/ID. Per concludere, gli unici casi in cui all’utente normale è possibile conoscere con certezza l’identità dell’interlocutore sono: utilizzo della posta elettronica certificata e della firma elettronica, l’utilizzo di sistemi di criptazione con utilizzo di chiavi asimmetriche scambiate reciprocamente con procedure sicure, per il blog infine, che tutti gli utilizzatori siano registrati sul blog e che l’amministratore del blog aggiunga di suo pugno e sotto la propria responsabilità, il nome in chiaro dello scrivente, cosa che non potrà mai accadere neanche sotto tortura. Sicuramente dimentico qualcosa e qualcos’altro sarà inesatto, ma credo che il grosso ci sia e sia ok. Col tormentone spero di aver offerto agli utenti un po’ digiuni in materia, quegli elementi oggettivi indispensabili per permettere di affrontare con più serenità e cognizione di causa la tematica “anonimato sul blog” cosicchè chissà che non si riesca a capire meglio se la richiesta di identità è fondata o pretestuosa. Rigorosamente Anonimo
X Dante e Ivano
Messaggio 9820 del 29.06.2013, 14:55
Provenienza: Capoliveri
Scrivevo nel post 9650,del 23-4-2013, indirizzato a Dante...
"Non si può pretendere dai Riesi ignorante e duri più di tanto.
" Dante mi risponde con la Sua verve insolitamente campanilista...
"Ehi Capoliverese Ti ha punto la tarantola? e prosegue ... Noi Riesi saremo duri e un po' lenti però non avremmo mai venduto il nostro territorio ai Tedeschi per 4 palanche."
Dante hai delle grosse lacune sulla storia dello sviluppo socio -economico dell'Elba del dopo guerra. Le 4 palanche, che poi erano molte di più, hanno permesso l' accumulazione primitiva del "capitalismo capoliverese". A Rio avete svenduto il Vostro territorio. Ginestra 1 e 2 Nisporto, Nisportino, Bagnaia, dulcis in fundo l'obbrobrio delle murelle. Sono esempi della mala edilizia Elbana...c'è poco da essere campanilisti.
L'espressione Riesi ignoranti e duri, ... dovevi capire che la mia provocazione non era campanilista.
Andava estesa a Capoliveresi, Marcianesi, Pugginghi ecc ecc. a tutta la mentalità del cosiddetto gorillaio elbano, che è molto più rigoroso definirla MENTALITA' ELBANA TALEBANA, perchè caratterizzata da una economia primitiva basata sul baratto almeno fino al 1600.
Passo ad altro argomento.
La signora Cheti Soldani si lamenta giustamente,primo della sua precettazione nel RIOBLOG,secondo, per i paragoni assurdi e volgarmente ironici a Lei rivolti.
Il direttore pro tempore Ivano nella difesa d'ufficio sostiene che se il contenuto non è offensivo si può dire di tutto e di più.
Non sono d'accordo. Chi scrive nel blog è libero di esprimere il proprio pensiero e anche se anonimo, è rintracciabile dal dominio della mail, e ne risponde penalmente. Se mantiene l'anonimato o l'impersonalità, almeno moralmente ci rimette la faccia.
Il direttore di un blog, oltre a compiti di tutela ha soprattutto compiti di indirizzo.
Caro Ivano sei stato carente. Per la signora Cheti,la mia solidarietà. Complimenti al Sig. Semeraro Fracesco per la sua partecipata battaglia per la sanità elbana,spero che continui la Sua collaborarazione, su RIOBLOG.
Termino salutando Dante e Ivano, ricordandogli che i Riesi oltre che ignoranti e duri, sono maschilisti e misogini ... e soprattutto non sono galanti con le belle signore....figuramoci con le racchie.
Broscino
X semeraro
Messaggio 9819 del 29.06.2013, 10:29
Provenienza: Dante
Caro Francesco, ti dò del tu ma abbiamo un età giusta per farlo. Come aveva anticipato Bacco, dal tuo post deduco che tu sia un parsona profondamente onesta ed intellettualmente serena. Non ho dubbi che tu abbia fonti sulla sanità veritiere; vorrei solo dirti che l'ospedale di Portoferraio non è in condizione di garantire un servizio di qualità; io stesso ho sperimentato la cosa nel lontano 1986, dove per la morte di mia madre mi sentii dire testualmente "non sappiamo perchè è morta". Era entrata per dei banali esami. D'altronde non si può nemmeno pretendere che un ospedale abbia tutte le specializzazioni; si, ci sono elbani che vanno a Pisa e Firenze, ma ci sono tanti toscani che vanno a Milano e Roma, se non all'estero. Quando uno è malato, cerca il meglio. Bisogna cercare un giusto equilibrio e nella fattispecie dell'ospedale nostrale capire cosa possa garantire al meglio e poi demandare all'esterno casi specifici. Cordialmente Dante.
Francesco Semeraro Send an email to Francesco Semeraro.
Messaggio 9818 del 28.06.2013, 20:28
Provenienza: Portoferraio
E' la prima volta che scrivo su questo interessante quesblog, spero non me ne vogliate. Dante, il film che tu vedi tutti i giorni lo vedo anch'io, non ho mai detto che all'Elba non c'è evasione, ma ho detto che l'Elba per la sua realtà di territorio e di persone è virtuosa fiscalmente se comparata a località simili, inoltre, per precisare, ho detto che il PIL elbano riferito alla sanità che esportiamo, è da capogiro. Con i nostri denari che ci obbligano per andarci a curare in continente, numeri alla mano, salviamo molti ospedali del continente. Di quanto asserito, ho documenti ricevuti dopo richieste particolari di accesso agli atti. Se si affitta in nero (non solo all'Elba. Non vi ho mai sentito dire parola sui nostri studenti che vengono tartassati in nero quando studiano in 6 sia a Pisa sia a Firenze) la colpa è anche di chi non fa nulla per controllare. Se si adottasse il sistema semplice di controllo utenza elettrica dove si controlla il consumo abnorme di un contatore unico in certi mesi controllando poi il flusso, o il mancato consumo di alcuni contatori nei mesi invernali, vi assicuro che molti ci penserebbero due volte ad affittare in nero. Questo è stato sperimentato in val di susa. Per gli scontrini, via... se per voi quello è evadere fate bene a crederlo, per me quello che non lo fa è certamente fuori legge ma il controllo andrebbe esteso a quel negoziante e a chi le affitta il fondo controllandone il mod. unico. Ci sarebbe troppo da dire e discutere. Questo signore come tu mi chiami è sempre pronto al dialogo aperto e sereno. Con stima Francesco.
Ivano
Messaggio 9817 del 27.06.2013, 15:33
Provenienza: S.F.
Da Tenews:
"Il Comune di Rio nell’Elba ha ottenuto per l’anno 2013 la certificazione che attesta la provenienza da fonti rinnovabili del 100% del fabbisogno di energia elettrica. Gli impianti di Illuminazione Pubblica e gli edifici comunali dunque, utilizzano energia verde che consente all’Ente di evitare l’immissione in atmosfera di gas climalteranti.
Socio del Consorzio per l’energia CEV dal 2006 Rio nell’Elba ... omissis"

Leggo dal sito del consorzio CEV
"L’adesione al Consorzio, infatti, garantisce al Comune la possibilità di perseguire con grande rapidità l’obiettivo 20-20-20 per il Settore Municipale aderendo ai servizi che sono già riservati a tutti i Soci CEV:
1-Acquisto di energia certificata proveniente da fonti rinnovabili
2-Messa in efficienza di edifici, impianti di Illuminazione Pubblica e generazione di calore
3-Produzione d’energia da fonti rinnovabili
4-Formazione di Energy Managers fra il personale dipendente dell’Ente
5-Comunicazione."

Mi sembra che concretamente siamo fermi dal 2006, dopo oltre 7 anni, al punto 1, salvo passare senza meriti effettivi al punto 5. Anzi, in occasione del nuovo impianto di illuminazione pubblica si è persa l'occasione di realizzare efficienza energetica e risparmi mediante l'illuminazione a led;
probabile risultato nell'aver saltato il punto 4. L'importante è comunicare; sarebbe meglio, ... come si dice, ... prima di aprir bocca, ...
Ma già comunicazione = politica = fumo senza arrosto. Siamo alle solite, ... fuffa.
Ivano
x Bacco
Messaggio 9816 del 27.06.2013, 01:39
Provenienza: Rio nell'Elba
Caro Bacco, tempo addietro, ma sono ancora dello stesso parere, a proposito del firmarsi sui blog, scrissi: “Ci sono tre categorie di persone che si firmano sui blog: chi ha interesse a sgomitare per salire di uno scalino dentro il pollaio, i cretini di ogni tempo ed età, convinti di mostrare i muscoli come se sfidassero a cazzotti l'interlocutore e chi invece ha un ruolo istituzionale e usa correttamente il blog per comunicazioni di tipo tecnico che rivestono una qualche ufficialità. Questi ultimi sono obbligati a firmarsi, non solo, ma sarebbe opportuno e magari viene fatto perchè forse obbligatorio, ma non ne sono certo, che venisse verificata l'autenticità della firma. Ciò detto, se io mi firmassi col vero nome e cognome, per esempio Giacomo Rossi, per l’interlocutore cosa cambierebbe? Sarebbe sicuro della mia identità o gli servirebbero altre prove? Si aggiunga anche un indirizzo E-mail reale, ma sa iddio di chi è, solo la polizia di stato può rivelarlo e solo dietro denuncia e se del caso. Quindi ci si faccia bastare il confronto, che basta e avanza. Ma poi, mi domando, chi si firma per dialogare sul blog per esprimere una idea od una opinione, che diritto ha di affermare che coloro che dissentono da questa, disapprovino anche la persona che l'ha espressa o addirittura la offendano? A me dell’identità della persona non interessa assolutissimamente niente, è perfettamente trasparente come un nick qualsiasi, a meno che, ripeto, non si tratti di soggetto appartenente a qualche istituzione nell'esercizio delle proprie funzioni. Negli altri casi, ad eccezione degli argomenti tecnici supportati da dati oggettivi che rivestono carattere di ufficialità, trovo di pessimo gusto, strumentale, se non addirittura intimidatorio, firmarsi. Che necessità c'è? Qualcuno me lo può spiegare? Perché non si potrebbe pensare che uno si firma perché vuole, intimidendo, evitare che gli si possa rispondere liberamente e far passare una opinione a scopi propagandistici? Caruggine
x Dante e Ivano
Messaggio 9815 del 27.06.2013, 00:16
Provenienza: Rio nell'Elba
Ciao Dante, ciao Ivano che ringrazio per l'invito a S. Felo che cercherò di onorare appena possibile. Circa l'M5S: non credo che esista una contraddizione nell’uso della rete, come, non dimentichiamolo, della piazza, per ottenere il consenso diretto popolar-democratico ed il fatto che i loro parlamentari siano controllati a corto dai guru, proprio come fanno i pupari, proprietari e animatori loro pupi. Il PDL con Berlusconi, per gran parte, è la stessa cosa. Sono queste delle realtà soggette ai diritti di proprietà. In queste realtà la censura, propria dei regimi dittatoriali che si esercita a partire dal controllo diretto sulla persona, trova la massima espressione. Non esiste contraddizione perchè non esiste democrazia nel M5S, perlomeno quella democrazia che io voglio intendere molto vicina a quella disegnata dalla ns. carta Costituzionale. La rete e la piazza non sono “strumenti democratici”, perchè manipolabili a caldo, reattivi alla pancia, predisposti ai i colpi di mano, alle emozioni piùttosto che alla ragione, al buon senso ed alla causa comune. La rete in particolare, la santa, indispensabile rete per una infinità di applicazioni irrinunciabili, è strumento manipolabile a piacimento per il consenso, nella estrema pericolosità del tempo reale. Grillo e Casaleggio sono comunque solo due e mi gioco le palle che dietro c’è molto di più di un bravo , coinvolgente comico, intelligente quanto vuoi, però uno ed un guru, fine e diabolico psicologo de facto, quale Casaleggio. Dietro i due, ci deve essere per forza una regia molto fine e sofisticata che sa navigare con maestria nei mari della politica, interna ed estera e della politica impostata sulle reazioni psicologiche ed emotive del paese. Ho già avuto a dirti, in tempi meno sospetti, che la sincronia e la piena compatibiltà tra le azioni intraprese da M5S, PDL, e Baffino Renzi, è stupefacente nel menare mazzate estremamente efficaci al PD che, detto fra noi, è stato un maestro a prendersele tutte ed a metterci del proprio per sbagliare treno nell’ultima tratta. M5S non ha voluto, senza alcun dubbio perché non era quello l’obiettivo, operare attivamente per attuare il progetto propagandato e che tanti consensi era riuscito a pescare fra i cittadini disponibili al grande salto. Grillo e Casaleggio teorizzano che debbono sparire tutti i partiti perché M5S, restato solo al comando, possa sporcarsi le mani. Semplicemente folle fosse vero, ma sappiamo che non è così, non c’è follia, l’obiettivo è quello di annientare il PD perché forza ancora potenzialmente in grado di poter cambiare realmente qualcosa, quindi da combattere. Il giochino è durato più del previsto perchè, nonostante tutto il PD ha resistito alle mazzate e questo è il motivo del tracollo del M5S e dell’uscita di tutti coloro che avevano visto nel M5S una possibilità di cambiamento. Dante, accidenti a te, m'hai fatto fa tardi! Ciao Caruggine
Ivano
Messaggio 9814 del 26.06.2013, 20:14
Provenienza: S. F.
Caro Dante,
all'altro blog non c'è bisogno di chiederla la censura. La fa già da solo.
Certo che è strano l'atteggiamento della sig.ra che non vuole essere nominata su Rio blog.
Questo è un blog autogestito da più persone, anche di diverso pensiero politico, ma con la ferma volontà di garantire il libero pensiero.
Dall'altra parte abbiamo un blog dove, come dice il suo proprietario e unico gestore, bisogna entrare in punta di piedi e non dispiacere al pensiero del medesimo.
E la sig.ra che fa? Se la piglia con quello più libero e forse più vicino al suo pensiero.
Trovo, da una parte una forte contraddizione con quanto esprimerebbe in tema di libertà la non nominabile signora, ma dall'altra una forte assonanza con il comportamento di quel comico.
No, non parlo di Caruggine, che a me fa ridere non solo per le sue solite battute al fulmicotone, che ho imparato ad apprezzare da oltre 60 anni, ma anche perché me lo immagino in carne ed ossa quando le dice;
no parlo di quel comico Genovese, ispiratore della signora. Comunque, voglio pensare che la cosa non sia voluta.
Al massimo l'avrà fatto per una vecchia questione revanchista legata a S. Giuseppe e Santa Caterina ... la nossa.
A_ _o, ... anch'io ho messo in mezzo i santi!
Ivano di Rio
X anonimo Caruggine Send an email to X anonimo Caruggine. X anonimo Caruggine's Website
Messaggio 9813 del 26.06.2013, 19:20
Provenienza: Dante
Ho visto il tuo post incriminato dalla sig.ra Cheti Soldani anche su Camminando; perchè la sig.ra non chede di censurarlo anche a Prianti? Forse noi del coccolo in su non siamo ben visti dai piaggesi: comunque Bacco ha completamente ragione: per esprimere un parere non c'è bisogno di venir meno all'anonimato. Lo dice il sottoscritto che si è sempre firmato. Dante Schezzini Firenze-Volterra-Rio (uno solo è Rio)
x Caruggine
Messaggio 9812 del 26.06.2013, 17:38
Provenienza: Elba
Ancora una volta un invito a farsi riconoscere per esternare un pensiero. Credo che il pensiero sia più importante di chi lo esterna e le persone andrebbero valutate per quello che pensano e non per la faccia che hanno. Mi viene da pensare a tutte le facce di sedere che abbiamo nella politica nazionale, che pur di rimanere al potere ce ne raccontano di tutti i colori... Bacco
X Caruggine
Messaggio 9811 del 26.06.2013, 16:20
Provenienza: Dante
Caro amico, Vorrei proporti un quesito a proposito della filosofia del M5S. Non pensi che ci sia una contraddizione di fondo, sul fatto che il Movimento si fondi su una sorta di democrazia diretta attraverso lo strumento della Rete e poi mandi dei delegati del popolo in Parlamento con la supervisione di Grillo e Casaleggio? Una democrazia diretta non ammette intermediari di sorta. Casomai agisce verso le ingiustizie della società nostrana, attraverso fome di class-action. Mi piacerebbe conoscere il tuo illustre parere ma anche di altri lettori del post. Dante
ALL'AMMINISTRATORE DEL BLOG
Messaggio 9810 del 26.06.2013, 12:36
Egr. Sig. Triscari se Lei è sempre l'amministratore di questo blog, gradirei che gli anonimi non mi citassero dal momento che non sono una frequentatrice e non ho mai iniziato una discussione con loro, quindi vorrei che i paragoni assurdi e ironici, vergognosi dal momento che si mette in ballo anche il Patreterno, siano evitati, La invito a cancellare il mio nome dal post in questione e se i signori hanno qualcosa di dirmi si facciano avanti mettendoci la propria faccia, io non amo interloquire con sconosciuti. Grazie Cheti Soldani
Commento dello Staff del RioBlog del 26.06.2013, 17:07:
Egr. sig.ra Cheti Soldani,
Gaetano T. gestisce il blog compatibilmente con l'attività lavorativa, esattamente come me ed altri di Rio.
Ciascuno da il suo contributo in funzione delle proprie disponibilità, garantendo sempre e comunque massima correttezza e soprattutto massima libertà di espressione.
Gli ultimi post sono a mia cura.
Capisco il suo desiderio di rapportarsi con persone non anonime, ma ahimè le regole del blog, queste sono e quando ci si mette in gioco, bisogna giocare, per noi comunque sempre nel massimo rispetto.
Se i post non contengono offese, non possono essere censurati o cancellati, e in questo caso Caruggine non offende né lei né il Padreterno.
Il blog è a disposizione sua e di Caruggine per tutti i chiarimenti del caso, siano di natura politica, filosofica, o altro.
La redazione
x Bacco
Messaggio 9809 del 26.06.2013, 09:34
Provenienza: Rio nell'Elba
C'era una volta....... indovinate un po', (non era nè Grillo, nè Casaleggio, nè Cheti Soldani anche se i capelli biondi, però più lunghi, come quelli di Palombi per intendessi, a prima vista potrebbero trarci in inganno)
Lui era figlio del Padreterno, è vero e si poteva permette di usare anco la frusta e che quando s'incazzava, cascaveno anco i calcinacci dai cornicioni.
Oddio, poi gliel'hanno fatte pagà quelle frustate...... A noi la frusta non è permessa e che quindi non corriamo nemmeno grossi rischi, lo so Bacco, ti capisco, siamo comunque mortali e deboli, ma niente ci vieta di chiamare pubblicamente
i ladri col loro vero nome cioè, LADRI.
Questo va fatto, è il minimo per ringraziare quel povero Cristo. E scanzalli pe' strada, anche se è domenica. E' dura anche questa, ma si pole fà. http://img195.imageshack.us/img195/5572/rymt.jpg
Ti saluto
Caruggine
x Dante
Messaggio 9808 del 25.06.2013, 16:37
Provenienza: Elba
Ho letto anch'io il posto del sig. Semeraro che penso sia stato scritto in buonafede, molte persone che abitano nel capoluogo non conoscono la realtà delle periferie. Se parlo di quello che succede intorno a me dovrei descrivere una realtà molto simile a quella da te accennata. Certe abitudini fanno ormai parte del nostro " bagaglio personale" e sono dure da sconfiggere. Ti posso dire quello che mi sta succedendo, delle difficoltà che incontrano le strutture simili alla mia a competere con i propietari di villette ed appartamenti . Proprietari che pubblicizzano le loro abitazioni sui portali turistici locali senza timore di essere controllati, di avere una visita dagli organi addetti con relative sanzioni. Così, in tempi di crisi, svendono incuranti dalle strutture ufficiali che non possono permetterselo. Infondo 300 euro settimanali in giugno sono sempre un bel guadagno quando sono "puliti" e si hanno altre entrate. Nessuno a convenienza di combattere questa economia nascosta di cui tutti siamo partecipi e l'omertà fa da padrona. Dimmi come può un vigile intervenire su un amico, un familiare, un assessore, ecc...... L'unica speranza sono forse le Fiamme Gialle ma loro... quando colpiscono fanno male ed io non odio nessuno, nonostante il danno economico avuto in questo mese. Basterebbe che i comuni intervenissero nel loro territorio di competenza come fanno per l'Imu, la Tarsu ed i Passi carrabili, ovvero le tasse di loro competenza, e vedresti che tutto sarebbe risolto. Ciao, Bacco.
X Caruggine
Messaggio 9807 del 25.06.2013, 16:34
Provenienza: S. F.
Bravo Caruggine, sei anche meglio di Beppe Grillo, come ironia e comicità, ... sempre che tu non ti offenda.
Il rischio, se lo superi a battute è che tu ti trovi con un'altro Casaleggio e un codazzo di ex Grillini.
So' a S. Felo e non ha l'aceto!
Ivano
x Caruggine Send an email to x Caruggine. x Caruggine's Website
Messaggio 9806 del 25.06.2013, 16:29
Provenienza: Dante
O Caruggine, bentornato, ma quando ritorni fai danno .... si fa per dire. Stavo rispondendo io alla sirg,ra Cheti Soldani, ma tu mi hai bruciato sul traguardo. Vabbe', sarà per la prossima volta. Saluti Dante
x Cheti Soldani
Messaggio 9805 del 25.06.2013, 15:07
Provenienza: Rio nell'Elba
Cara Cheti, è fuor di dubbio che Kant stia a Casaleggio come i ca@zi stiano ai cannocchiali, si tratta di una verità scientifica oltre che religiosa. La sua è una condizione stupefacente, che suscita curiosità quasi morbose fra la gente comune e vivo interesse nel mondo scientifico perchè la soluzione deve trovarsi per forza all'interno di un situazione di perfetto sdoppiamento della personalità. Sappiamo che addentrarsi nei complessi e spesso misteriosi meccanismi della psiche è cosa improba e si rischia l'incomprensione, per cui non le chiediamo questo, ma potrebbe dirci almeno per quante ore di veglia della giornata lei crede di comportarsi da Kantiana e per quante da Casaleggiana? Grazie se vorrà dare un contributo sia a noi poveri mortale che al mondo della scienza. Caruggine
X Ala sx
Messaggio 9804 del 25.06.2013, 12:34
Dovresti anche chiederti se non è possibile un migliore impiego delle risorse disponibili.
Senza ricorrere all'MSD (Master Standard Data) metodo per l'analisi dei tempi di lavoro, si potrebbe anche fare così.
Si richiede un preventivo a più aziende per fare alcune attività (pulizia spiaggia; cambio lampadine; taglio erba, ...).
Poi, sulla base delle offerte (tempificate o meno non importa), si assegnano i compiti al personale dipendente, fino a saturazione delle loro presenze.
Forse si potrebbe raggiungere se non un miglioramento, almeno il controllo della produttività, magari qualche risparmio nell'esternalizzazione di alcuni servizi e ... qualche spiaggia più pulita.
Ivano
Ala Sx
Messaggio 9803 del 25.06.2013, 09:41
Provenienza: Rio Elba
A proposito di TURISMO..... Ancora ad oggi,25 giugno, la spiaggia di Nisportino ,come credo anche quelle di Nisporto e Bagnaia, sono state sistemate definitivamente. Ma con tutti i soldi che incassa il Comune per IMU e Spazzatura,come è possibile che non si riesca a tenere in ordine queste località balneari?????? Eppoi,perchè non si interviene per far tenere pulita tutta l'area dell'ex Villaggio Turistico.C'è l'ordinanza nr.42/2009 che obbliga i proprietari ad intervenire in proposito,ci sono responsabilità penali. C'è menefreghismo e qualcosa di peggio sia da parte degli Amministratori che da parte degli Uffici competenti(Vigili e Ufficio Tecnico). E' stato inutile finora qualsiasi tipo di segnalazione(verbale e scritta). SIAMO ALLA FRUTTA(secca però).
X Ala sx
Messaggio 9802 del 24.06.2013, 19:16
Provenienza: Rio Blog
Ciao Ala, mi scuso ma involontariamente ho cancellato un tuo post che mi sembra parlasse di Nisportino, in mezzo agli spam che si erano accumulati.
Non è censura, ma fretta. Rimandalo!
Rio Blog
X Bacco, Send an email to X Bacco,. X Bacco,'s Website
Messaggio 9801 del 23.06.2013, 11:27
Provenienza: Dante
Caro Bacco, leggo su Camminando un post firmato “Francesco Semeraro”, che sembra smentire tutti i post precedenti sull’evasione fiscale all’Elba. Lui dichiara testualmente “…l’Elba è una realtà unica ligia ai propri doveri…” ed anche il Pil elbano è “da capogiro”, tale da finanziare realtà del continente. Io non voglio smentire tali affermazioni, ma chiedo a questo signore di citarmi le fondi finanziarie su cui ha estrapolato tali considerazioni. Certo è che io e te e molti altri post dicono cose completamente diverse; forse abbiamo avuto allucinazioni. Pensa: all’Elba non si affitta in nero, si fanno scontrini fiscali regolari ai clienti negli esercizi ecc.; ma che film abbiamo visto finora? Dante
x Rio blog
Messaggio 9800 del 22.06.2013, 20:35
Provenienza: Portoferraio
Allora ....., devo notare con ammirazione e stupore che nonostante tutto, qualche schiena dritta è riuscita a sopravvivere! Grazie Claudio Pecchioni
x Alvaro dispettoso Send an email to x Alvaro dispettoso. x Alvaro dispettoso's Website
Messaggio 9799 del 22.06.2013, 19:19
Provenienza: Dante
Io mi dò da fà, ma devo avere sollecitazioni e spesso le trovo su Camminando. Per esempio l'argomento da me sollecitato sugli ultimi due post, meriterebbero approfondimenti anche su questo Blog. "Gli Elbani vs turismo", non male come argomento Dante PS Ho fatto "privatamente" una analisi delle tabelle sulle spese del Comune di Rio; "privatamente" mediante Email a Ivano, perchè sono supposizioni e quindi non certezze. Mi sembra però che Ivano ne abbia comunque tenuto conto in un suo successivo post.
Rio blog
Messaggio 9798 del 22.06.2013, 18:05
Per Claudio Pecchioni
Così recitò Mussolini
«Non possiamo dare la libertà a coloro che ne approfitterebbero per assassinarci. »
(Dal discorso alla " Sciesa „ di Milano, pronunciato il 4 Ottobre 1922). -- Il, 333.
Omissis ... "Partendo da questo incontrovertibile dato di fatto si ha immediatamente una bussola di orientamento per quanto concerne l'attività pratica del giornalismo fascista. Ciò che è nocivo si evita e ciò che è utile al regime si fa. Ne consegue che, sopra tutto e potrebbe dirsi esclusivamente in Italia, a differenza di altri Paesi, il giornalismo, più che professione o mestiere, diventa missione di una importanza grande e delicata, poiché nell'età contemporanea, dopo la scuola che istruisce le generazioni che montano, è il giornalismo che circola tra le masse e vi svolge la sua opera d'informazione e di formazione."
Omissis ... "Il giornalismo italiano è libero perché serve soltanto una causa e un regime; è libero perché, nell'ambito delle leggi del regime, può esercitare, e le esercita, funzioni di controllo, di critica, di propulsione."
Da un discorso pronunciato il 10 ottobre 1928, nel salone della Vittoria di Palazzo Chigi
Alvaro dispettoso
Messaggio 9797 del 22.06.2013, 16:40
Provenienza: Lungone
Che vi devo di', noialtri parlamo, scrivemo....ma è sempre la solita solfa. Camminando.. camminando , pubblica non ciò che deve pubblica' ma quello che vole. Non ci scoraggiamo. Teniamo sempre acceso questo lumicino DEL BLOG di Rio. Avemo bisogno di una opinione pubblica elbana civile. E per questo CHE DOVEMO TENE' DURO. Dante datti da fa, non ti rimprovero perchè scrivi su camminando...ci vole la tua presenza.... più presente
Ivano
Messaggio 9796 del 22.06.2013, 10:27
X Tabelle e sudiciume.
Le tabelle le ho elaborate io, su dati ufficiali, ma sparsi del comune, allo scopo di evidenziare ad esempio gli indirizzi di spesa del comune, ma non solo.
Forse ti ha tratto in inganno la provenienza, ma pur non avendoli elaborati direttamente nella forma espressa sul blog, i dati provengono dagli uffici menzionati.
Ciò detto, caro amico Riese, oltre a darti pienamente ragione, aggiungo che la risposta alle tue sacrosante lamentele, risalta con estrema evidenza dai dati delle tabelle.
Abbiamo ad esempio: esternalizzazioni di servizi, alto indice di assenteismo (in alcuni enti), produttività (?), etc. etc.
Ivano
X Redazione Camminando
Messaggio 9795 del 22.06.2013, 07:59
Provenienza: Portoferraio
Ringrazio antecipatamennte la redazione di rioblog se vorrà pubblicare questo mio post come azione volta a migliorare la qualità e serietà dell'informazione a cui troppo spesso vengono apportate censure e modifiche. Grazie, Claudio Pecchioni ------------------------------------------------------ Spett. Redazione, noto che avete sostituito il post .."delle 8000 firme..." firmato da Semeraro per Comitati Elbani Riuniti pro-sanita con un altro post da cui sono scomparsi gli elementi che mi hanno spinto ad inviare un mio post, regolarmente pubblicato, ma che, non avendo più riferimenti, sembra scritto da un visionario ubriaco. Sig. Prianti, la prego dare delle spiuegazioni o perlomeno chiarire la questione, perchè è vero che il blog è suo e può fare quel che vuole, ma questo mi pare veramente eccessivo. Claudio Pecchioni La informo che questo post lo invio anche a rioblog.altervista.org.
x Redazione Camminando
Messaggio 9794 del 22.06.2013, 07:56
Provenienza: Portoferraio
Ringrazio antecipatamennte la redazione di rioblog se vorrà pubblicare questo mio post come azione volta a migliorare la qualità e serietà dell'informazione a cui troppo spesso vengono apportate censure e modifiche. Grazie, Claudio Pecchioni ------------------------------------------------------ Spett. Redazione, noto che avete sostituito il post .."delle 8000 firme..." firmato da Semeraro per Comitati Elbani Riuniti pro-sanita con un altro post da cui sono scomparsi gli elementi che mi hanno spinto ad inviare un mio post, regolarmente pubblicato, ma che, non avendo più riferimenti, sembra scritto da un visionario ubriaco. Sig. Prianti, la prego dare delle spiuegazioni o perlomeno chiarire la questione, perchè è vero che il blog è suo e può fare quel che vuole, ma questo mi pare veramente eccessivo. Claudio Pecchioni La informo che questo post lo invio anche a rioblog.altervista.org.
Tabelle e sudiciume
Messaggio 9793 del 21.06.2013, 21:48
Provenienza: Rio Elba
Cara amministrazione comunale, cari assessori e caro sindaco, intanto che snocciolate tabelle e tabelline che non capisce nessuno, il sudiciume ai bordi della strada del Campogrande, Padreterno senza parlare di Nisporto, ci ha fatto guadagnare il primo premio per il paese più sudicio dell'Elba e per l'ostinazione dell'amministrazione a non voler risolvere il problema. Vuole dimostrare a tutti i costi che la gente è sudicia perchè lascia rifiuti ingombranti in giro nonostante ne sia stato fatto divieto. Ma dove caz@o se la deve mettere la roba ingombrante la gente, se non c'è anche un solo un punto di raccolta individuato per lo scopo? Sindaco Alessi, ce lo vuoi spiegare perchè devi costringere la gente a mettere gli ingombranti dove gli sembra più logico, di nascosto come i ladri? Che gusto ci trovi, mica mi dirai che il comune non può permettersi una piazzola di pochi metri quadri dove i cittadini possono portarvi i propri ingombranti, come avviene in tutti i paesi civili? Io spero che non si esca fuori con la favola che si può telefonare al comune per concordarne il ritiro perchè a quel numero non risponde mai nessuno, ma anche quando dovesse rispondere qualcuno, a detta di qualche raro fortunato, beh, lasciamo stare le risposte che è meglio. Ma poi, anche se rispondesse qualcuno, come si fa ad organizzare un simile servizio? Ci vorrebbe un ufficio dedicato a trascrivere tutti gli oggetti da recuperare, tra cancheretti, lampadari, televisori, materassi, lavandini etc. , ci vorrebbe una organizzazione che manco l'Ikea se la sogna. La cosa più semplice, razionale ed a costo zero, si può dire, no è? VERGOGNA!! Riese scoglionato alla grande
Trasparenza
Messaggio 9792 del 20.06.2013, 16:44
Provenienza: dai DB
Propongo un piccolo confronto fra i due comuni, forse prossimi all'unione o ad una condivisione dei servizi.
Suggerirei anche l'incrocio dei dati con le tabelle precedenti, per un'agevole comprensione dei fenomeni concreti sul territorio.
Ivano
http://img15.imagefra.me/i56k/ivanodirio/crku_60b_ucma7.gif
[Pagina precedente] [Pagina successiva]

[Il Blog di Rio nell'Elba|Il Blog di Rio nell'Elba]

Powered by Burning Book 1.1.2 © 2001-2004 WoltLab GmbH

Se vuoi comunicare con noi la nostra mail è: [email protected]


dal 22 gennaio 2008